Tempo di lettura:

Falesie – Marostica – Carega del Diavolo

Oltre che dal mistero, la Carega del Diavolo era avvolta anche da una fitta vegetazione che ne nascondeva le potenzialità arrampicatorie. A partire dal 2012 è stato portato avanti un grosso lavoro di pulizia e di disgaggio che ha permesso l’apertura di oltre 20 itinerari. Andiamo alla scoperta di questa incredibile falesia...

Con il toponimo “Carega del Diavolo” o “Prialonga” la popolazione locale identifica quella grossa pietra che si erge nella Valle del Rameston. Antico altare pagano, come dimostrano alcuni studi, la Carega nasconde tuttavia miti e leggende che si perdono nel tempo. Dal Diavolo, capo di una tribù di streghe, che sedeva tronante sulla pietra, alle più comuni anguane, che stendevano i loro panni ad asciugare da una parte all’altra della valle.

Marostica - Falesie - Carega del Diavolo

Oltre che dal mistero, il luogo era avvolto anche da una fitta vegetazione che ne nascondeva le potenzialità arrampicatorie. A partire dal 2012 , quindi, è stato portato avanti un grosso lavoro di pulizia e di disgaggio che ha permesso l’apertura di oltre 20 itinerari. Si arrampica su di un ottimo calcare grigio che impone una buona tecnica, un attento uso dei piedi e forza sulle dita. Il torrione presenta diverse esposizioni ed è usufruibile durante tutto l’arco dell’anno a seconda del settore scelto.

Difficoltà: dal 5b al 6c+

Roccia: molto buona

Materiale: necessari 10-12 rinvii e corda singola da 60m. La vie sono tutte protette con fix inox da 10mm. Si consiglia l’uso del casco.

Esposizione: SUD-EST-NORD.

Avvicinamento per il settore Alto delle Anguane

Da Marostica (VI) prendere la provinciale in direzione Santa Caterina-Asiago. Superare l’abitato di Crosara e proseguire per un paio di km. Quindi, parcheggiare l’auto sulla dx tra il tornante n.7 e il n.8, in corrispondenza di una ex cava di piccole dimensioni.

Successivamente, camminare per un centinaio di metri fino a raggiungere una curva, facilmente identificabile da un muretto posto sulla sx della strada. Scendere poi lungo il ripido sentiero fino al raggiungimento delle corde fisse, da cui è ben visibile il settore “Alto delle Anguane”. (5/10 minuti).

A questo punto, scendendo oltre si può arrivare al settore “Carega del Diavolo”, raggiungibile più facilmente da valle.

Avvicinamento per il settore Carega del Diavolo

Marostica - Falesie - Carega del Diavolo - Anguane

Superato l’abitato di Crosara, imboccare la prima strada sulla sx (Via Foggiati) e seguirla in discesa fino al raggiungimento di un secco tornante. Da questo punto, parte il sentiero che in 15/20 minuti porta alla Carega. Meglio lasciare l’auto poco oltre, nei pressi di uno spiazzo laddove termina la strada asfaltata. Dal tornante si segue l’evidente sentiero, prima in discesa e poi in salita, che risale a mezzacosta la valle del Laverda. Sono comunque presenti alcune tabelle segnaletiche.

 

 

Settore Alto delle Anguane (da sx a dx)

1. Alcol and vegetables 5c, 12m
Placca delicata in partenza, poi divertente arrampicata lungo lo spigolo

2. Enanitos verdes 6b+, 12m
Su scavati le prime belle sezioni boulder

3. Per la gioia di Marika 6a+, 12m
Diedro iniziale faticoso per poi proseguire su placca lavorata

4. Spada di Damocle 5b, 10m+5m
Facile via di riscaldamento; dalla catena si può proseguire ed uscire alla sommità

5. Jenga 5c, 18m
Si destreggia lungo le evidenti fessure

6. Non ditelo al presidente 6b, 20m
Di difficile intuizione il superamento del muretto finale

7. Gildoland 6a, 10m
Faticoso il movimento per andare in catena

8. Linea d’ombra 6a, 13m
Elegante il superamento della fessura iniziale

Marostica - Falesie - Carega del Diavolo - alto - delle - anguane

 

Settore Carega del Diavolo

1. Comandante Diavolo 6b+, 8m
Via di continuità su buone prese

2. Colonnello Kurtz 6b+, 10m
Inizio su bella lama, boulderosa l’uscita dal muro finale

3. Cavaliere stanco 5c, 10m
Delicato il passaggio per giungere in catena

4. Equilibri di primavera 6a+, 10m
Equilibrio da ricercare in almeno due passaggi

5. L’óro 6a, 10m
Inizio delicato su placca, poi lungo l’evidente spigolo

6. Candelora 5c, 10m
Prima via della falesia; mai banale

7. The hollow man 5c, 10m
Simile alla precedente; leggermente più dura

8. Swiss machine 6c+, 10m
Aderenza e dita forti, il mix per risolvere il movimento finale

9. Dulfer esplosiva 6a, 10m
Movimento faticoso per giungere in catena

10. Zecche assetate 6c, 13m
Continuità su placca con traverso da capire

11. Point break 6c, 10m
Prevede un uso attento dei piedi; da non perdere

12. Destinati all’estinzione 6b+, 10m
Dura sezione in placca, poi più facilmente in fessura

13. Anguanaway 6b, 10 m
Inizio con mani in fessura, poi lungo lo spigolo

14. Amores perros 6a+, 20m
Uscita delicata dalla fessura, decisamente più facili gli ultimi metri

15. Diedro Pils 6a, 20 m
Diedro iniziale facile e placca finale più faticosa

16. Ex porcheria 6c, 10m
Sezione iniziale su scavi, poi lungo lo spigolo

17. Potere e fantasia 6c+, 15 m
Aderenza estrema e movimenti aleatori permettono di superare l’evidente spigolo.

18. Taci miserabile 6b, 15 m
Caratteristico il movimento finale sullo spigolo

19. L’uomo di gomma 6c, 13m
Su tacche sfuggenti la prima sezione, su buoni scavati il finale

20. Croce rossa 5c, 13m
Partenza comune con la la precedente, poi lungo la fessura; non banaleMarostica - Falesie - Carega del Diavolo - settore - altoMarostica - Falesie - Carega del Diavolo - settore - basso

Continua a navigare